He warned Isco that chances would be fewer at Madrid. That’s just a reality: the quality of the players guarantees it. He knew that and up to a point, he accepted it. Vincenzo è sempre maggiore di 9 punti quindi i play off al momento non si disputerebbero. Domenica altra gara importante per il Bibbona a Suvereto. Palazzi Monteverdi.

Pu rendere fobici. Il 93% dei ragazzi tra i 18 e i 29 anni dice di usare lo smartphone come mezzo per sfuggire alla noia, preferendolo ad attivit alternative come leggere un libro, o uscire con gli amici. Usare il cellulare come passatempo diventata un’abitudine cos radicata, che esiste persino un termine per definire la sensazione di panico e ansia che deriva dal non averlo con s la nomofobia (da No Mobile Phobia).

Sull britannica BBC si legge la storia di Bana Alabed, sette anni, che ha twittato le sue emozioni dalla citt in fiamme. Aveva twittato la propria foto, sullo sfondo la bambola, sul tavolo un libro. Il messaggio che ha fatto il giro del mondo: per dimenticare la guerra Scritto in inglese, aiutata dalla madre insegnante.

Dopo il presidio in via don Milani, il gruppo si è diretto verso il Comune, dove è stato ricevuto dalla vicesindaca Angela Pirri: Un incontro positivo ha sottolineato Cesari nel quale ci ha espresso la massima solidarietà per quello che stiamo vivendo. Poi ha aggiunto che si attiverà per darci una mano per quello che è in suo potere. Questa è la cronaca della mattinata di ieri, che però trova radici nei mesi scorsi: Gimar è la società pontederese che gestisce i reparti macelleria e gastronomia all’interno dei punti vendita e discount Tuodì; in aggiunta ha rilevato anche alcuni supermercati in toto, come quelli di Pontedera e Agliana, che paradossalmente sono due di quelli che ancora lavorano a pieno regime.

Danni cellulari. La concentrazione di nicotina scelta stata di 10 milligrammi per millilitro, la stessa inalata dagli svapatori umani, per tre ore al giorno cinque giorni alla settimana, nell di tre mesi. Dopo questo tempo, i roditori esposti hanno riportato un pi alto livello di danni al DNA di cuore, vescica e polmoni rispetto al gruppo di controllo.

Ma alla fine si dovrebbe ricordare: non Benjamin Netanyahu. La nazione. Almeno la maggior parte della nazione. Il museo ha sempre riconosciuto alla comunicazione un ruolo rilevante: proprio per questo essa è stata oggetto nel tempo di signifi cativi cambiamenti che hanno interessato i suoi contenuti e le modalità utilizzate per la loro diffusione. Il museo si è appropriato con gradualità di diversi strumenti offerti dalla Computer Mediated Communication (CMC) che hanno reso più effi caci trasmissione, partecipazione e condivisione delle informazioni per un coinvolgimento dei suoi interlocutori. In concreto, si osserva che la comunicazione museale tradizionale è quella “unidirezionale”, che si è sviluppata anche grazie all’impiego di strumenti online (sito web, newsletter).